BikeRide.it
FABIO S.

Resoconto viaggio 2014: Dolomiti, Slovenia, Austria, Rep.Ceca, Sassonia
27/08/2014 11:06:06
Post di FABIO S.
Contatta 12661

Ciao, ho terminato da una decina di giorni il mio ultimo cicloviaggio estivo. Ho percorso 3000 km fra Italia del nord, in particolare Dolomiti, e Slovenia, Austria, Repubblica Ceca e Sassonia (Germania) con arrivo a Dresda. Ho visitato città meravigliose (fra le molte, spiccano Venezia, Vienna e Praga), superato passi alpini (Gavia e Stelvio ma molti altri), visto luoghi naturali molto belli e incontrato persone, tutte diverse, molte interessanti.
Andando al seguente link potete leggere il diario del viaggio, corredato di fotografie, giorno per giorno:

cicloturismoeoltre.wordpress.com

Buona lettura ;-)

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=12661



cerco compagne/i bici a roma e dintorni
14/10/2014 13:04:49
Post di MARIA
Contatta 13227

CIAO Cerco nuovi amici/che per condividere la passione per la bici da corsa o mtb per passeggiate a Roma e nei dintorni:se la compagnia è divertente e si ha un ritmo compatibile, anche per organizzare qualche gita in Italia ed all’estero.In particolare vorrei organizzare un gruppo per fare il cammino di Santiago in bici verso giugno. A presto.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=13227



TUTTO IL DANUBIO IN BICI
23/11/2014 22:25:01
Post di LUIGI
Contatta 13268

Assieme a tre amici, Stefano, Elio, Matteo, abbiamo disceso tutto il Danubio in bici, partendo da casa nostra. Con Matteo siamo partiti da Ferrara, Stefano ed Elio da Venezia. Siamo partiti da Ferrara il 13 settembre e abbiamo attraversato le Alpi, passando per Trento , Bolzano, Passo Resia, quindi l’Austria, passando per Landeck, Passo Aarlberg, Bludenz. Poi la Svizzera costeggiando il Lago di Costanzo e quindi la Germania fino a Donaueschingen, dove sono le sorgenti del Danubio.
Abbiamo disceso in bici tutto il fiume, passando per tutti i paesi bagnati da Danubio, e cioè: Germania, Austria, Slovacchia, Ungheria, Croazia, Serbia, Romania, Bulgaria, Moldavia e Ucraina.
Abbiamo terminato il nostro bellissimo viaggio in bici il 10 di novembre a Galati, in Romania.
In totale abbiamo attraversato dodici stati, compresa l’Italia, visitato cinque capitali (Vienna, Bratislava, Budapest, Belgrado, Bucarest), fatto più di quattromila chilometri.
Il viaggio è stato fatto in completa autonomia, senza nessun appoggio, ne sponsor. E senza nessuna prenotazione di alberghi.
Come supporto tecnico abbiamo utilizzato solo delle normali carte stradali e i normali telefoni cellulari.
Non avevano ne navigatori, ne GPS, ne computer, ne altro.
Ho raccontato parzialmente questo viaggio nel blog: AZZURRI-ORIZZONTI.BLOGSPOT.IT

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=13268



La ciclopista del sole
28/12/2014 22:17:11
Post di GIORGIO T.
Contatta 13308

Vedo che sei molto informato, lo vorrei anch’io per dibattere l’argomento e condividere la tua idea. dove trovi le notizie? grazie GiorgioT.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/territorio.php?id=8479



Neofita
02/01/2015 06:48:40
Post di EPERDONC
Contatta 13310

Sei veramante in gamba,complimenti e grazie!

http://www.bikeride.it/cicloturismo/bicicletta.php?id=8980



crudista fruttariana
07/01/2015 21:57:17
Post di CBBIKE
Contatta 13331

Eeee.........cosa vorrebbe dire crudista fruttariana???

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=11854

ORESTE

BASILICATA JONICA, primavera 2015
11/01/2015 13:02:20
Post di ORESTE
Contatta 13387

ciao,mensilmente scendo con la mia auto, se c’è qualche appassionato che vuole farmi compagnia.

sono molto esperto di bici, fatto quasi tutte isole mediterranee,con la moglie...e...o...amici.

ho una casa sul mare..e posso dare ospitalita’.

conosco bene il territorio e posso farvi vedere dei posti eccezionale.

se siamo in 3..4...penso si puo’ spendere meno di 200 euro a testa compreso viaggio....e mangiare.

Volendo,oltre alla bici si puo’ fare qualche uscita in barca a vela.

vi aspetto numerosi.

Date da stabilire....

www.marinagri.it

x vedere il luogo.

oreste.venco@email.it



http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=13387



Occhio agli sportelli
18/01/2015 17:39:07
Post di MARCO CRISTOFARI
Contatta 13409

Ottimi consigli, mi associo in particolare per il tema dell’autocontrollo in caso di discussioni. Aggiungo: nei centri urbani, mantenersi alla destra delle macchine parcheggiate ma con una distanza di sicurezza tale da evitare eventuali sportelli aperti improvvisamente.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/norme.php?id=8998

ORESTE

vacanze febbraio
29/01/2015 07:48:42
Post di ORESTE
Contatta 13438

Per la partenza di febbraio si parte sabato 21
e si tprna domenica 1 marzo.
Al momento siamo in 3...disponibile ancora 2-3 posti.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=13387



Passione
15/02/2015 20:01:25
Post di WALTOR
Contatta 13505

la Bici una passione che ti prende e non ti lascia piu’ ... ogni uscita è una vera sfida con se stessi e gli obbiettivi da raggiungere che a volte sono al limite del possibile chi ama la bici lo comprende
solo il pedalare ed affrontare km in sella al proprio mezzo da sensazioni indescrivibili.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=13505



info trasporto bimbo
11/03/2015 10:33:31
Post di MARCO
Contatta 13616

Salve a tutti...
sono Marco e un cicloturista da parecchi anni. Ora la famiglia si è allargata e ho un bimbo di 2 mesi. lo sguardo è già al futuro e al trasporto della piccola creatura in bicicletta. Vorrei sapere da qualcuno che ha esperienza in materia tutto quello che c’è da sapere. Da che età o peso si possono trasportare...se carrello posteriore o seggiolino...marche da scegliere e modelli ecc. Insomma tutto quello che c’è da sapere sul mondo bimbo/bici. Grazie a tutti. ciao
Marco

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=13616



igoumenitsa -istambul
17/03/2015 22:19:18
Post di ADRIANO
Contatta 13626

nel 2013 sono partito in bici da casa lugo ra prima tappa ancona poi spalato megigorie dubrovning attraversato l’albania fino a igoumenicia. igomenicia ancona e da ancona a lugo in bici .qest’anno vorrei percorrere igomenicia istambul sempre in bici qualcuno lo ha gia’ fatto.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=8883



Pamir highwai e wacham corridor. M41
11/07/2015 07:58:42
Post di MARIO
Contatta 16688

Ciao cerco compagni per condividere il percorso da Duschambe a Osh con variante nella wacham valley in Tajikistan periodo agosto non serve visto lo consegnano all’arrivo.Il programma di viaggio può anche variare in base alle esigenze o proposte. Buone pedalate a tutti

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=16688



istanbul
24/07/2015 21:59:05
Post di LUIGI
Contatta 16906

Ciao, un po in ritardo ho visto il post.
Io sono andato a Istanbul a piedi (e poi a Gerusalemme).
Ho fatto quella che viene chiamata la Via Egnazia, perchè ricalca il tragitto della vecchia via Egnatia romana.
Si parte da Durazzo in Albania, si attraversa l’Albania e si passa in Macedonia per il passo di Qafe Thane, poi Macedonia (Ohrid, Resen, Bitola) poi Grecia (Florina) e si punta su Salonicco. Quindi Turchia e Istanbul. Sono tutte strade normali, nessuna corsia di emergenza (solo in Turchia), a volte abbastanza trafficate. Si riesce a trovare da dormire abbastanza facilmente. Il confine tra Grecia e Turchia non si può passare a piedi (e credo neanche in bici) bisogna trovare un’alternativa (autobus, taxi...) se vuoi maggiori notizie chiedi pure

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=8883



pamir
24/07/2015 22:02:51
Post di LUIGI
Contatta 16907

viaggio bellissimo: quest’anno non ho la possibilità di muovermi. se lo fai, facci un resoconto

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=16688



bike tour Sardegna
06/01/2016 10:26:42
Post di MAURIZIO
Contatta 25929

Salve, ormai la bici stà diventando una passione per tante persone, data da sacrifici e tempo dedicato ai pedali.
io vorrei condividere con tutti quanti il mio tour in Sardegna ed invitare chiunque voglia unirsi per le prossime avventure è libero di contattarmi.

sardiniabike.jimdo.com

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=25929

ALESSIO

Diario Clandestino, il tuo diario di bordo on-line
01/01/2018 12:38:38
Post di ALESSIO
Contatta 25948

L’app gratuita che consente la pubblicazione della tua posizione in tempo reale. Annotazioni e rilevamenti sono riportati su una mappa condivisibile con un link. In assenza di connessione i dati vengono memorizzati sul dispositivo e trasmessi al ritorno della connessione.
Con Diario Clandestino potrai illustrare il tuo viaggio e rassicurare i tuoi cari in tempo reale, il servizio di notifica via e-mail annuncia agli iscritti ogni aggiornamento della tua mappa.
A fine viaggio, Diario Clandestino, si rivelerà un documento prezioso, proprio come un diario di bordo, con la differenza che non corri il rischio di sgualcirlo o peggio smarrirlo.
Buon viaggio.
Alessio

http://www.bikeride.it/cicloturismo/index.php?id=25948

Attivazione del servizio

1) scarica l’app sul tuo smartphone android cliccando su questo link: Diario Clandestino;
2) installa abilitando Origini sconosciute ed apri;
3) scegli un nome per identificare la tua mappa, per esempio "Costiera Amalfitana";
4) attiva il GPS ed attendi che il tasto Salva note e coordinate si attivi, se non si attiva premi il tasto Reset e attendi qualche secondo, se ancora non va sei al coperto o il tuo sensore GPS non funziona;
5) scrivi la nota (che verrà visualizzata sulla mappa cliccando sul segnaposto) e premi il tasto Salva note e coordinate;
6) per visualizzare la tua mappa e condividerne il link premi il tasto Mappa.


ALESSIO

Solitudine
04/12/2018 12:11:59
Post di ALESSIO
Contatta 26034

E’ l’argomento del momento. Una volta si parlava di diete e vita sana, bastava aprire un cassetto per trovarci un dietologo SL* pronto a ripeterti le solite quattro cosette in croce ascoltate in palestra o al bar. Ora tutti psicologi SL* teorici dello stare soli.
La solitudine è una condizione, non una scelta.
Se vuoi sapere cos’è la solitudine ti tocca andare in una casa di riposo, lì la trovi di sicuro. La solitudine è quella cosa che, mentre telefoni all’ultimo numero della rubrica e nessuno ti risponde, ogni tono ti dilata il cuore fino a farti male. La solitudine è quella cosa che ti chiude la gola e lo stomaco quando senti che nessuno ti vuole.
Poi c’è lo stare soli per scelta.
Io, per esempio, quando viaggio in bici, solo, di notte, non viaggio in solitudine ma in autonomia, che è tutta un’altra cosa. Se hai bisogno di vedere la gente, ma non sempre, è naturale, ma cosa c’entra la solitudine con questo? E’ come respirare, non puoi inspirare e basta, prima o poi dovrai pur espirare.
E sul fatto di imparare a bastarsi e ad amarsi da soli, bah… l’onanismo non mi basta più fin dalle medie.
Credo che la chiave di tutto sia la paura di soffrire, nessuno lo vorrebbe. Certo se devono cavarmi il dente del giudizio preferisco l’anestesia. Ma tutto il resto voglio vivermelo, a costo di morire di dolore...
*SL: secondo lui

http://www.bikeride.it/cicloturismo/riflessioni.php?id=26034

ALESSIO

Buon Natale
24/12/2018 23:23:23
Post di ALESSIO
Contatta 26035

Il Natale è un ritorno, si torna a casa, si torna bambini, si torna ai sogni di ieri, prima che si realizzassero o prima che svanissero. Si racconta come va... a cuori che ti hanno a cuore, dove c’è amore. La famiglia ce l’hanno tutti, anche gli orfani, i migranti, i malati. Anche chi non ce la fa, anche chi non ce la vuol fare.
La famiglia è solidarietà, è il posto in cui nessuno viene lasciato al suo destino, il posto in cui tutti, con i loro pregi ed i loro difetti, vengono amati ed accettati. E ci si riunisce sorridenti, ognuno con i denti che ha.
Al family day dovrebbero raccontarlo... che la famiglia non si basa su scelte sessuali o parentele di sangue ma sull’amore, un sentimento per sua natura universale ed incondizionato.
Niente amore, niente famiglia.
La famiglia è il posto in cui le regole della società vengono capovolte, il posto in cui lo sfortunato, il diverso e il debole non sono un peso ma lo scopo principale di tutte le attività, costi quel che costi.
Buon Natale a te e alla tua famiglia, quindi, o come dice quel gran genio del mio amico “auguri estenzibbili”

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=26035

ALESSIO

Lo sport?
14/12/2018 18:54:18
Post di ALESSIO
Contatta 26036

Lo sport è forza, classe, fede, fortuna, onestà e disciplina mescolate insieme.

Lo sport non è un hobby, é un modo di vivere.

Lo sport è battersi con quello che si ha, e se ti manca qualcosa... ti arrangi.

Lo sport è essere sportivi: c’è un vincitore, un perdente, e il giorno dopo si ricomincia.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=26036

ALESSIO

Il più grande di tutti
14/02/2018 15:51:33
Post di ALESSIO
Contatta 26039

Se n’è andato proprio il giorno di San Valentino, quattordici anni fa, e si è portato via il ciclismo, quello vero.
Parlo del pirata. Quello che risalendo l’Alpe d’Huez andava talmente veloce da dover tirare i freni sui tornanti. Quello che nella nebbia di Les Deux Alpes ha mostrato al mondo come si scende in picchiata col ventre sulla sella. Quello che ad Oropa ha rimontato l’intero gruppo talmente a razzo che Jalabert non ci ha nemmeno provato a stargli dietro. Quello che non aveva bisogno di sorprendere gli altri scattando all’improvviso. Lui gli avversari li avvisava, girava il cappellino e se ne andava in progressione. Saliva in presa bassa, senza ciondolare, col bacino sempre in asse, cento pedalate al minuto e ciao, ci vediamo al traguardo. Niente cardiofrequenzimetro, niente strategie, ...vado a tutta per abbreviare l’agonia diceva.
Se non l’hai visto non puoi capire.
Il più grande di tutti.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=26039

ALESSIO

Affrontare una grande salita in bici non è follia
17/07/2018 09:42:35
Post di ALESSIO
Contatta 26040

Affrontare una grande salita in bici non è follia, e nemmeno masochismo.
Salire in montagna non è mai semplice, neanche per i campioni, è sempre un’esperienza fuori portata, apparentemente sovrumana. E’ l’arte di spingere un’altra pedalata a tutti i costi, l’arte di non mettere il piede per terra. E’ l’arte di non pensare alla prossima pedalata, di non pensare a quanto manca alla vetta, è l’arte di non pensare, tranne che ad un fatto: il dolore della nuova pedalata lenisce quello della vecchia. E’ l’arte di inventarsi qualcosa da far pesare sul pedale perché vada giù, vale tutto: forza, convinzione, amore, disperazione, odio, istinto di sopravvivenza, vecchi ricordi, nuovi sogni, voglia di vivere, voglia di morire... tutto quello che conta davvero, per te.
Sul piano inclinato ci sei tu, la tua determinazione, la tua capacità di galleggiare sui tuoi limiti.
Salire in montagna è conoscenza di se, onesta, profonda e intima.
E’ così che dovremmo vivere.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=26040

ALESSIO

Lo sport agli sportivi
11/09/2018 09:49:56
Post di ALESSIO
Contatta 26041

Fenati si ritira definitivamente dal motociclismo, pare. Mi auguro che d’ora in poi gesti orribili come il suo creino scalpore sempre, e siano ritenuti inaccettabili, sempre, anche se a commetterli è un campione, e non il Fenati di turno, un comprimario senza schiere di tifosi pronti a difenderlo.
Mi chiedo come mai il gomito assassino di Suzuka non abbia stroncato la carriera di Biaggi. E il tentato omicidio di Schumacher in Ungheria?
Hanno potuto portare a termine la carriera con tutti gli onori, loro, i campioni...

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=26041

ALESSIO

Lo ha fatto!
17/03/2018 10:39:53
Post di ALESSIO
Contatta 26042

Vincenzo Nibali da Messina ha vinto la Milano-Sanremo e ridefinito il ciclismo moderno. L’ultimo uomo da corsa a tappe a vincere una grande classica é stato Bernard Hinault, erano gli anni ottanta, il muro di Berlino era ancora in piedi. Ma la cosa più bella di questo ragazzo é la sua normalità. La stessa con cui ha vinto due Giri, un Tour e una Vuelta, e senza mai essere toccato da questioni di doping. Da oggi Vincenzo Nibali é ufficialmente fra i grandi del ciclismo mondiale di tutti i tempi, a modo suo, come fosse niente.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=26042

ALESSIO

Vorrei dirtene di cose…
17/08/2018 13:51:06
Post di ALESSIO
Contatta 26043

Ti dico che se nel libro sul tuo comodino non c’è un segnalibro non lo stai davvero leggendo. Che se i tuoi sogni e la tua realtà non si somigliano nemmeno un po’ non stai davvero vivendo. Che il mare, i fiori e le case piccole e colorate ti aiutano a vivere con un piede dentro i sogni. Che se il cuore batte a vuoto e fa male vuol dire che sei ancora in tempo per ricominciare. Che la differenza fra avere le palle e non averle sono solo dieci secondi di coraggio. Che a farsi troppi conti, problemi, scrupoli… diventi vecchio e sei ancora lì che conti. Che se non mi vuoi più posso accettarlo, non dico capirlo, ma almeno prova a dirmelo. Che non sono le calamitine sul frigo o i post su instagram a dire dove sei stato, e con chi. Che le cose vanno provate, anche il gelato al basilico o quello con lo squacquerone. Che se ami qualcuno ma vorresti cambiasse, vuol dire che hai le idee parecchio confuse. Che non c’è niente di più limitante che concentrarsi sui propri limiti... c’è il mondo fuori.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/riflessioni.php?id=26043

ALESSIO

Boogaali...
14/01/2019 16:32:42
Post di ALESSIO
Contatta 26064

...la bici in canna di bambù made in Uganda.

A Kampala c’è un laboratorio che costruisce bici uniche, leggere e bellissime.

Artigiani locali le realizzano impiegando tecniche tradizionali e partendo da materiali naturali ed autoctoni come la canna di bambù.

L’intero processo produttivo è illustrato da Kasama Noordin nel video cui punta il link in basso.

Si tratta di tecniche che hanno un impatto sull’ambiente vicino allo zero, e comunque non confrontabile a quello delle nostre produzioni.

Contattando direttamente Kasama potrete ordinare la vostra bici a basso impatto ambientale evitando il passamano degli importatori che rimarchiano e lucrano sul prodotto.

Boogaali Bikes Uganda Limited
Zzana Entebbe Highway, Next to Standard High School, Along Suuna Road, PO Box 12278, Kampala, Uganda
+256 782 370048

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=26064

Qui trovate la pagina web Boogaalibikes ed il video che illustra il processo produttivo.




FABIO SARACINO

Ciclodiario - Viaggio su due ruote alla scoperta del Sud
01/04/2019 11:27:34
Post di FABIO SARACINO
Contatta 26082

Finalmente il frutto di dieci anni di cicloturismo è arrivato, ha consistenza, si maneggia, si sfoglia e se ne può sentire l’odore, il profumo... che non è purtroppo quello del mare nè degli effluvi della vegetazione mediterranea che mi hanno accompagnato per gran parte della strada, ma è quello comunque gradevole della carta stampata (e d’altronde sarebbe stato chiedere troppo...).

I 3539 km, vissuti dal sellino della mia bicicletta e percorsi durante il mio ultimo cicloviaggio, avvenuto nel Sud Italia e nelle isole maggiori, sono tutti contenuti in queste 256 pagine.

Pagine di un diario personale in cui si narra di litorali spettacolari, rilievi boscosi ed impervi, panorami mozzafiato, città d’arte, famose o dimenticate, strade trafficate e strade deserte, incontri, emozioni e lo stupore provato che in alcune circostanze mi ha indotto a riconsiderare alcuni capisaldi esistenziali che credevo ormai assodati.


http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=26082

Disponibile dal 28 marzo in tutte le librerie, anche online:
Amazon
Mondadori
Feltrinelli
Libreria Universitaria
IBS


ALESSIO

Cade un mito: anche in Olanda si muore piu’ in bici che in auto
02/05/2019 09:52:06
Post di ALESSIO
Contatta 26083

Nessuna inversione di tendenza, il sorpasso è avvenuto. Anche in Olanda, paese simbolo dello spostamento in bici, ora si muore più in sella che in auto. La nazione è scossa perché le statistiche parlano chiaro e perché il fenomeno sembra essere solo agli inizi: Nei Paesi Bassi le due ruote a pedali, oltre che “simbolo” della nazione, sono anche il principale mezzo di trasporto utilizzato dai cittadini, spiegano infatti all’Asaps, associazione amici polizia stradale, ma il dato non significa solo che si muore più in bici che in auto perché i ciclisti continuano a crescere mentre gli automobilisti a diminuire, ma è dovuto anche all’aumento delle ebike circolanti.

L’analisi dell’Asaps deriva da una precisa denuncia del sindacato dei ciclisti Fietsersbond che ha individuaro il problema negli anziani (secondo le statistiche, dal 2016 al 2017 grazie alla pedalata assistita il numero degli utenti over 65 è più che raddoppiato) e nella diffusione di bici elettriche. Cosa fare? Alla Fietsersbond hanno idee precise: Servono - urgentemente - corsi di formazione per l’uso delle potenti ebike che sono più potenti, pesanti e hanno un’accelerazione fulminea.

Nessuno getta la croce addosso alle ebike, sia chiaro, ma sempre secondo la Fietsersbond molti over 65 non tengono conto che le loro possibilità fisiche sono ridotte.

Diversa invece la soluzione proposta dall’autorità olandese per la sicurezza stradale che vorrebbe invece far realizzare dal governo piste ciclabili più grandi: Sta crescendo il numero di ciclisti - spiegano - e gli spazi a loro dedicati non bastano più. Ma se l’Olanda intera è scossa da questo nuovo problema, non sfugge ovviamente il fatto che le e-bike abbiano avvicinato un enorme fascia di pubblico alle biciclette.

“Naturalmente - ha spiegato intatti Jaap Kamminga del Fietsersbond - ogni persona morta è di troppo. Ma se si guarda a quante altre persone hanno iniziato a pedalare, specialmente tra gli anziani, allora l’Olanda può congratularsi con se stessa. Il ciclismo è salutare, dobbiamo continuare a promuoverlo”.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=26083

ALESSIO

I monopattini elettrici muovono Rimini
15/09/2019 00:22:14
Post di ALESSIO
Contatta 26123

Al via ufficiale centinaia di ragazzi hanno preso d’assalto i 500 mezzi messi a disposizione dalla Bird Rides Italy, una delle due società (l’altra è Lime) cui Palazzo Garampi ha affidato il servizio per 12 mesi.
A regime la flotta sarà di mille monopattini, da utilizzare soprattutto in zona turistica, e in precise zone di territorio. La velocità va dai 6 ai 15 chilometri orari. Il monopattino deve essere usato da una sola persona.

«Nello scorso fine settimana sono stati messi a disposizione un centinaio di caschi, per incentivarne l’uso, anche se non obbligatorio», precisa l’assessore alla Mobilità Roberta Frisoni, soddisfatta dell’esordio ufficiale.

Patrick Studener, vicepresidente di Bird, ha dichiarato: «Siamo incredibilmente contenti di lanciare (il servizio) nella città di Rimini, dove gli amministratori comunali stanno dando un chiaro esempio al resto dell’Italia per quanto riguarda le nuove forme di mobilità ai suoi residenti. Come in molte altre città, il traffico e la qualità dell’aria stanno riducendo la qualità di vita dei suoi residenti. Noi di Bird vogliamo risolvere questi problemi, spostando il pubblico all’utilizzo di monopattini elettrici environment-friendly. Nelle città dove abbiamo già lanciato il servizio, abbiamo realizzato la nostra missione e decine di migliaia di persone lo usano frequentemente».

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=26123

GRETA THUNBERG

Climate Action Summit 2019
25/09/2019 17:15:23
Post di GRETA THUNBERG
Contatta 26142

Il mio messaggio è che vi terremo d’occhio.
Tutto questo è così sbagliato. Non dovrei essere qui, dovrei essere a scuola, dall’altra parte dell’Oceano. Venite a chiedere la speranza a noi giovani? Come vi permettete?
Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia, con le vostre parole vuote, eppure io sono tra i più fortunati. Le persone stanno soffrendo, stanno morendo. Interi ecosistemi stanno collassando. Siamo all’inizio di un’estinzione di massa, e tutto ciò di cui parlate sono soldi e favole di eterna crescita economica? Come vi permettete?
Per più di trent’anni la scienza è stata chiara e cristallina. La vostra idea di ridurre le emissioni della metà in dieci anni ci da appena il 50% di possibilità di rimanere sotto la soglia degli 1,5 gradi, con il rischio di avviare irreversibili reazioni a catena fuori dal nostro controllo. Il 50% sarà accettabile per voi, ma questi numeri contano sul fatto che la mia generazione riuscirà ad eliminare centinaia di miliardi di tonnellate della vostra CO2 usando tecnologie che esistono a malapena. Un rischio del 50% è semplicemente inaccettabile per noi che dovremo viverne le conseguenze. Come osate fingere che tutto questo possa essere risolto facendo affari come al solito e con qualche ipotetica soluzione? Come osate distogliere lo sguardo e venire qui a dire che state facendo abbastanza quando la politica e le soluzioni necessarie non si vedono ancora? Dite di ascoltarci e di capire l’urgenza, ma non importa quanto io sia triste ed arrabbiata, non voglio crederlo. Perchè se voi capiste davvero le situazione e continuaste a non agire, allora sareste malvagi e mi rifiuto di crederlo.
Ci state deludendo, ma i giovani stanno iniziando a capire il vostro tradimento, gli occhi di tutte le generazioni future sono su di voi, e se sceglierete di fallire, noi non vi perdoneremo mai. Non vi lasceremo andar via così. Qui e adesso è dove tracceremo la linea. Il mondo si sta svegliando e il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no.

http://www.bikeride.it/cicloturismo/blog.php?id=26142


Viaggiare in bicicletta di Alessio Di Tommaso Cicloturismo e viaggio in bicialessio.ditommaso@gmail.com Copyright © 2002 - 2020