BikeRide.it
ALESSIO

Un viaggio in bici è un’avventura e qualche problema fa parte del gioco
23/02/2011 11:10:40

Post di ALESSIOGestioneContatta
info@bikeride.it





E’ quando si vivono le difficoltà che la tempra del viaggiatore ti dà la forza di non mollare fino a quando, proprio lì dietro l’angolo, la soluzione al tuo problema trasforma in un ricordo, il più bello, la tua difficoltà. Noi cicloturisti viviamo un’altra dimensione, possiamo passare per pazzi o per quelli che hanno capito tutto ma non possiamo essere compresi, solo noi sappiamo che il mondo visto da una bici è così duro. Però dobbiamo essere consapevoli che una volta scesi dalla sella abbiamo fallito, non svuotare di significato il tuo viaggio in bicicletta, non fermarti.
Viaggiando ti capiterà di vedere posti bellissimi e di vivere situazioni ideali, sarà in quei momenti che dovrai vincere la tentazione di fermarti. Dopo la splendida persona che hai incontrato o il magnifico angolo di mondo che hai scoperto, proprio lì dietro l’angolo, ti aspettano persone ed esperienze mille volte più belle. Noi cicloturisti viviamo un’altra dimensione, possiamo passare inosservati o affascinare ma non possiamo essere compresi, solo noi sappiamo che il mondo visto da una bici è così bello. Ma dobbiamo essere consapevoli che una volta scesi dalla sella l’incantesimo si rompe, non svuotare di significato il tuo viaggio in bici, non fermarti mai!

La vacanza è uno stato d’animo, non una condizione
Sentirsi in vacanza non significa necessariamente esserlo. Ci si può sentire in vacanza anche durante una normale giornata di lavoro, prendendo qualcosa al bar o facendo la spesa, mentre si cucina o sparecchiando la tavola, basta volerlo, o meglio, basta chiedersi perchè no?
Cosa ci impedisce di star tranquilli, rilassati, sorridenti e in pace con noi stessi anche mentre sfidiamo la statistica cercando un parcheggio? Lo stress, la fretta o l’abitudine? Rompi il meccanismo ansiogeno, inventa qualcosa, non so, fai finta che ci sia un premio in gettoni d’oro per chi parcheggia per ultimo. Tanto avere i peli dritti dalla rabbia non ti aiuterà, anzi. Accendi lo stereo e ascolta un pò di musica, oppure spegnilo e canticchia, mettiti a tuo agio. Non è necessario dimenticare gli improrogabili impegni che stipano la tua agenda, è sufficiente dar loro la giusta dimensione, il giusto valore. Hai presente quella volta che sei andato al funerale di quel tuo conoscente, ecco, davanti alla morte siamo tutti realisti ma non perchè siamo emozionati o angosciati o sotto choc. E’ come se chi è volato in cielo ci trascinasse con se per qualche metro permettendoci di vedere meglio, dall’alto, di dare la giusta dimensione alle cose. Non parlo di cose terrene viste con la prospettiva della morte, che poi sarebbe il nome della cartella in cui di solito archiviamo questo tipo di esperienze. Parlo di cose della vita, cose che sono la vita stessa, cose importanti che meritano di essere fatte e di essere vissute con serenità.

http://www.bikeride.it/io.php?id=8498


CommentaScrivi postVai al blog

BikeRide.itCicloturismo e viaggio in bici
Alessio Di Tommasoemail: info@bikeride.it
Copyright © 2002 - 2016