Suite per l’ufficio: OpenOffice
Home
Guida al PORTABLE
Archiviazione
Antivirus
Audio editing
Browser
CD encoding
Code editing
Comunicazione
Controllo remoto
Client P2P
Fotoritocco
FTP Client
Grafica
Grafica 3D
Masterizzazione
Media Player
Montaggio video
PDF Reader
Photo editing
Pulizia del sistema
Suite office
VideoConverter
Contatti





E’ l’unica vera alternativa a Microsoft Office, ed è portabile!
Chiunque voglia segnalarmi quella fetecchia di LibreOffice, pachidermico e patetico feticcio di Microsoft Office, si risparmi la fatica.


DOWNLOAD FILE INSTALLAZIONE

DOWNLOAD VERSIONE PORTABLE

OpenOffice, conosciuto anche come OOo o OpenOffice.org, è una suite per l’ufficio che si pone come alternativa gratuita al più conosciuto Microsoft Office. La suite di OpenOffice è davvero completa ed è composta da diversi applicativi tutti in grado di svolgere le tipiche funzioni da ufficio e di sostituire i più famosi Microsoft Word, Microsoft Excel, ecc.

La storia di questa suite d’ufficio passa attraverso grandi nomi dell’informatica: pochi anni fa, Sun Microsystem ne cedette la proprietà ad Oracle Corporation che, allo scopo di mantenerla gratuita, la donò poi all’Apache Software Foundation che ne è responsabile ancora oggi e che la definisce come “The Free and Open Productivity Suite”.

OpenOffice è composto, da 6 applicativi chiamati Writer, Calc, Impress, Base, Draw e Math, più un piccolo programma chiamato QuickStart; i primi quattro, come scopriremo a breve, hanno, caratteristiche simili a Word, Excel, PowerPoint e Access di Microsoft.

OpenOffice, infatti, ha come caratteristica quella di assomigliare, dal punto di vista estetico e funzionale, alla suite d’ufficio di Microsoft. Per gli utenti questo significa ritrovarsi in un ambiente familiare ed avere massima compatibilità con i file salvati nei formati Microsoft Office.

Qualsiasi applicativo di OpenOffice, infatti, è in grado di aprire tutti i formati di file di Microsoft Office, dai classici .doc, .xls, .ppt, ecc. a quelli più recenti con estensione .docx, .xlsx, ecc. Questi file vengono convertiti automaticamente in fase di apertura, lasciando quasi sempre la formattazione del testo o le altre informazioni intatte.

Nonostante la piena compatibilità con i formati più comuni, dalla versione 2.0 OpenOffice introduce un proprio formato di salvataggio dei documenti chiamato OpenDocument (ODT), registrato come standard ISO/IEC 26300:2006.

Il formato ODT mira a diventare il più distribuito per tutti i documenti di tipo Office e già altre suite d’ufficio, come KOffice e Lotus Office di IBM, l’hanno adottato come formato standard.

Uno volta eseguito il download, di circa 150 MB, sarà possibile installare OpenOffice; durante il processo si potrà scegliere se installare tutti gli applicativi, ovvero Writer, Calc, Impress, Base, Draw e Math o solo quelli desiderati.

Writer, come suggerisce il nome, è un elaboratore di testi molto simile a Microsoft Word e presenta un’interfaccia grafica del tutto analoga ai tanti programmi di videoscrittura; oltre alle funzioni comuni, il programma consente di esportare i file direttamente nel formato PDF ed è capace di collegare i record di un database all’interno del documento stesso, allo scopo di ottimizzare la stesura di bibliografie, indirizzari e citazioni.

Dalla versione 2.3 di OpenOffice, Writer è in grado di esportare i documenti nel formato MediaWiki di Wikipedia e di creare e pubblicare blog personali; per attivare queste funzioni è necessario scaricare le estensioni Sun Wiki Publisher e Sun Weblog Publisher; oltre ai formati già citati, il programma è compatibile con i file RTF e XHTML.

Calc, si contrappone a Microsoft Excel, offrendo delle funzionalità medesime e un ambiente di lavoro pressoché uguale ; come Excel riesce a gestire fino a 1.048.576 righe ma si distingue nella gestione delle colonne che arriva fino a 1024 contro le 256 di Excel. Calc riesce a gestire i formati .xls e .xlsx di Excel, seppur con piccole incompatibilità, soprattutto quando i file contengono tabelle pivot o macro VBA ed è in grado di esportare i documenti in PDF.

A sostituire PowerPoint, o prodotti affini, troviamo Impress: anche in questo caso l’ambiente di lavoro e le funzionalità sono pressoché identiche al programma di Microsoft, così come la completa compatibilità con i formati .ppt e .pptx. Il software è poi capace di esportare le presentazioni nel formato ODP, PDF e SWF, cioè in Flash.

La suite d’ufficio è poi composta da Base, un applicativo che si occupa della creazione e della gestione di database. Simile, in alcuni aspetti, a Microsoft Access, il software fà da front-end grafico al motore HSQLDB, realizzato in Java. Gli utenti possono connettersi anche a DB diversi, realizzati, ad esempio, in MySQL o PostgreSQL e usare ReportBuilder, un estensione avanzata capace di creare report grafici dettagliati e professionali.

Draw è uno dei programmi più interessanti dell’intera suite d’ufficio che, per alcuni aspetti, assomiglia a Microsoft Publisher e CorelDraw. Draw è un programma di grafica vettoriale e mette a disposizione strumenti in 2D e 3D per la creazione di disegni, locandine, diagrammi di flusso. Draw, seppur con delle limitazioni, importa ed esporta i file SVG e grazie alla compatibilità con i file PNG è in grado di esportare direttamente verso HTML/Web. Il programma ha un’interfaccia grafica intuitiva e, sebbene offra già parecchie opzioni di lavoro, la community lavora incessantemente per migliorarlo e potenziarlo con estensioni interne avanzate.

A completare la suite d’ufficio c’è Math, un software in grado di creare complesse formule matematiche da esportare come oggetto generico o come immagine. Math è uno strumento necessario nella stesura di testi matematici e assomiglia in alcuni aspetti a Derive di Texas Instruments, anche se, a differenza di questo, non permette il calcolo delle formule.

Il tempo di avvio degli applicativi di tipo Office non è generalmente immediato, in quanto tali programmi devono caricare parecchi dati. Per ovviare a questo problema, OpenOffice ha creato Quickstar, un piccolo programma che, se attivato, si avvia insieme al sistema operativo precaricando tutte le librerie di cui i programmi OpenOffice hanno bisogno e permettendo un avvio quasi immediato di quest’ultimi.

In conclusione, OpenOffice è una suite d’ufficio gratuita che si pone come alternativa a Microsoft Office offrendo un interfaccia grafica comune e un altissima compatibilità con i formati file più comuni.

OpenOffice introduce inoltre parecchie novità come il formato OpenDocument, l’applicativo Math e la possibilità di espandere la suite con le estensioni.

OpenOffice è in continua evoluzione e nuove versione vengono rilasciate regolarmente.

FreeWareIl meglio del software libero
Contrada CimorutoModugno (BA)
e-mail: alessio.ditommaso@gmail.com
Copyright © 2013