BikeRide.it
ALESSIO

Accessori
22/01/2013 17:31:49

Post di ALESSIOContatta
info@bikeride.it

share

Bagagli
E’ quando ci si trova in salita, spossati dalle intemperie e dai chilometri, che ogni grammo di troppo diventa un macigno inutile da trascinarsi dietro. Il peso dei bagagli tormenta la meccanica della bicicletta e molte forature e rotture di raggi si eviterebbero limitandosi all’indispensabile. Scegli un portapacchi solido da abbinare a due capienti borse impermeabili, facili da agganciare e rimuovere dal portapacchi, dotate di maniglie per il trasporto a mano e di rifrangenti notturni. Ricorda di riporre gli oggetti più pesanti in basso per avvicinare al suolo il baricentro della bici. Invece della borsa centrale io uso un elesticone fermatutto ed una comune sacca impermeabile. La utilizzo per metterci roba di consumo o fuorimisura che non troverebbe posto nelle borse, gli elastici diventano ottimi stendi biancheria d’emergenza, anche in movimento. I vantaggi di questa soluzione sono molti: risparmi i soldi di una borsa specifica, hai una borsa leggera e, soprattutto, elastica, infatti, le cose da mettere nella borsa centrale (viveri, ricambi, souvenir) aumentano e diminuiscono durante il viaggio e, fatalmente, ti ritroveresti con una borsa troppo piccola a troppo grande. Per gli oggetti di frequente utilizzo procurati una borsa da manubrio, rigida, impermeabile, con finestra porta-mappa e zip apribili in pedalata. Evita di indossare zaini e marsupi che, soprattutto nella bella stagione, non permettono una buona traspirazione e ti condannano al mal di schiena.
Scegli il cavalletto e la posizione in cui montarlo in base al peso ed alla distribuzione del carico, io ne uso uno da tandem da installare fra i foderi del mozzo posteriore.

Trasportare i bagagli col rimorchio per bici
I carrelli appendice riscuotono sempre più successo.
Vantaggi: bicicletta più bilanciata, baricentro più basso, accesso al bagaglio più comodo.
Svantaggi: difficoltà nel tenere separati i bagagli se non con buste o contenitori non inclusi, costo elevato, rischio di sbilanciamento a bassa velocità su buche o terreni sconnessi, gestione della frenata complessa ed imprevedibile (la ruota del carrello non frena ed il rimorchio tende a portarvi a spasso il posteriore), oggettive difficoltà e rischi causati dall’ingombro fuorimisura sia in marcia che in rimessaggio, peso totale maggiore, una ruota in più da manutenere, scavalcare gli ostacoli (scalinate, muretti, ecc.) diventa un’operazione tragica.
Conclusioni: opterei per il carrello solo su terreni dal fondo regolare (asfalto o sterrato) e solo in caso di bagaglio molto pesante (oltre i 15/20 kg.) o voluminoso o difficilmente distribuibile.
Rappresenta una soluzione rapida e sicuramente risolutiva per chi ha una bici priva di predisposizioni al portapacchi. Queste sono fredde considerazioni, se qualcuno volesse adottare il carrello appendice perchè lo trova fico e non vede l’ora di agghindarlo con bandierina tricolore e targa finta dell’arizona (come ho fatto io) non lo biasimerei, anzi, il piacere di viaggiare ha anche questa componente.

Caschetto
Serve a non trasformare una caduta in una tragedia e, anche se può sembrare un intralcio, è necessario portarlo sempre in testa e ben allacciato, quindi, scegline uno che calzi a pennello. Premilo sul capo e se senti pressioni localizzate non prendetelo.
Prova a scuotere la testa ed assumere la posizione che solitamente tieni in bici e se dovesse sballonzolare o scivolare in avanti scartalo. E’ importante che il casco sia ben areato, che i flussi d’aria siano ben distribuiti, che sia dotato di rete anti-insetto, che protegga bene la nuca e che rifranga la luce per essere visibile anche di notte. Per la stagione invernale procuratevi un sottocasco termico avendo l’accortezza di evitare quelli troppo scivolosi che
renderebbero il casco instabile.

Contapedalate
Svolge lo stesso compito del contagiri nei mezzi a motore. E’ uno strumento indispensabile che serve a controllare ed ottimizzare il ritmo di pedalata. Puoi comprarne uno o ottenerlo convertendo un normale ciclocomputer. E’ sufficiente installare il sensore del ciclocomputer sulla pedaliera e tarando il parametro di circonferenza della ruota a mt. 1,666 si ottiene il numero delle pedalate al minuto diviso dieci (es. 83 pedalate al minuto saranno visualizzate come 8,3 km/h). Cerca di non scendete sotto il limite delle 75 pedalate al minuto.

Illuminazione e segnalazione
Il codice della strada prevede che la bici sia dotata di segnalatore acustico, luce bianca anteriore e rossa posteriore, catarifrangenti rosso anteriore e gialli laterali.
Rendersi visibili è un obbligo per la legge, un dovere nei confronti degli altri, una imprescindibile questione di amor proprio, tanto vale organizzarsi.
Le dinamo al mozzo sono più efficienti ma, se non in prima dotazione, troppo costose. Meglio comprare una bici che ne sia dotata all’origine. I fari a pile hanno il vantaggio di funzionare anche da fermo ma lo svantaggio di esaurirsi prima o poi. Io, che sono già stato investito, monto entrambi, fatelo anche voi.

Impermeabilizzazione
Gli indumenti tecnici più evoluti sono impermeabili e traspiranti ma costosi e voluminosi, in alternativa puoi proteggerti con un completo impermeabile, economico e facilmente riponibile, purchè dotato di inserti di areazione, cappuccio, cuciture stagne e applicazioni rifrangenti.
Ghette o calzari e guanti in neoprene completeranno l’equipaggiamento anti-pioggia ma delle comuni buste di plastica possono costituire degli ottimi calzari di emergenza. I parafanghi in policarbonato pesano quasi nulla, non fanno rumore e sono utilissimi. Anche i bagagli, in caso di pioggia, devono essere coperti dagli appositi involucri impermeabili che si trovano in commercio, oppure, prima di riporre gli oggetti nelle borse, infilateli in buste di plastica.

Portaciclo
Quando il viaggio in bici comincia lontano da casa e bisogna portarsi dietro bici ed attrezzatura nascono seri problemi logistici: come può seguirci in aereo, treno, bus o traghetto la nostra fida due ruote? Io consiglio di trasportarla smontando ruote, sella, portapacchi, borse e pedali disponendoli, insieme al resto dell’attrezzatura, sui fianchi del telaio in modo da sviluppare il minor ingombro possibile. Poi, fermare tutto con dello spago. Bisognerebbe contenere le misure in 120x80x60 ed il peso in 20 kg. per essere sicuri di rientrare nei limiti dei colli trasportabili con qualsiasi mezzo. Con le compagnie aeree low cost è meglio informarsi. Quindi, procedere all’imballo utilizzando un telo a trama in PVC, trattasi di grossi teli plastici generalmente di colore verde militare o
blu marina provvisti di grosse asole metalliche sui bordi che non costano più di 10 euro. Sagomare a colpi di forbice e sigillare con l’American Tape, un nastro adesivo particolarmente tenace e dalla buona resa estetica. Si può ottenere un comodo e robusto manico per la nostra valigia esponendo il tubo orizzontale, la canna, del telaio, magari rivestendolo con del materiale da imballaggio: cartone, polistirolo, ideale l’espanso (quello che avevano i black-block a Genova per proteggersi dalle manganellate).
Per prevenire gli inevitabili maltrattamenti imbottisci l’imballaggio con del materiale antiurto anche riciclato prestando particolare attenzione al fondo della valigia. L’ideale sarebbe che rimanesse in piedi da sola e che la sagoma dell’imballo somigliasse ad un parallelepipedo. Non ho preso in considerazione le borse rigide a causa di alcune pecche: l’impossibilità di trasportare qualcos’altro oltre la bici rendendo indispensabile una seconda valigia, il prezzo proibitivo (meglio spendere 10 euro che dai 200 euro in su) e poi una volta saliti in sella il prezioso borsone dove lo metti? Meglio un imballo usa e getta, no?

http://www.bikeride.it/bicicletta.php?id=8980


CommentaScrivi post



Neofita
02/01/2015 06:48:40

Commento di EPERDONCContatta
eperdonc@libero.it

Sei veramante in gamba,complimenti e grazie!



CommentaScrivi post
ALESSIO

Bici reclinata
22/02/2013 17:24:06

Post di ALESSIOContatta
info@bikeride.it

share

Recumbents
Dopo averne tanto sentito parlare ho deciso di provare una reclinata, 300 km. circa. Le strade pianeggianti extraurbane sono il suo pane, ti godi il mondo in poltrona. Anche sullo strerrato battuto e nelle discese con tornanti le doti di comfort e guidabilità ne fanno un mezzo eccellente. La propensione al sovraccarico completa il quadro di un mezzo da cicloturismo, fin qui, quasi perfetto. Ma il fatto di non potersi alzare sui pedali è uno scotto troppo grande da pagare, almeno per me.

1 - Le partenze da fermo sono manovre precarie e con il carico la faccenda si fa improponibile.
2 - Le salite non sono aggredibili, ti danno la paga anche i monopattini.
3 - Ogni buca si traduce in una inevitabile bastonata nella schiena, e alla lunga non credo faccia bene.

E’ il mezzo perfetto per chi non intende affrontare traffico e salite e, soprattutto, per chi non ha fretta nel senso più radicale del termine. Questo fa di una recumbent un veicolo di nicchia, privo della polivalenza tipica di un mezzo da cicloturismo.

http://www.bikeride.it/bicicletta.php?id=8979


CommentaScrivi post



Disinformazione
20/11/2013 09:54:37

Commento di MARKCICCIOContatta
markciccio@alice.it

Buongiorno, con tutto il rispetto, questo post è parecchio fuorviante, riporta una informazione parziale ed è abbastanza lontano dalla realtà.
Non è chiaramente possibile dare un giudizio su un mezzo dopo aver percorso solo 300 km. Sarebbe come dare un giudizio all’andare in bicicletta poco dopo aver tolto le rotelle...
Io ho percorso 4000 km in reclinata in meno di due anni e posso dire che tutto quello che si dice della reclinata che non va in salita deve essere correttamente ponderato. La reclinata ha bisogno, come tutti i mezzi non a motore, di un allenamento specifico, perchè si usano muscoli che nella normale bicicletta non si usano e occorre altresì un posizionamento corretto di sedile e movimento centrale. Inoltre la reclinata normalmente, per la sua architettura non a diamante, pesa alcuni kg in più di una bicicletta per cui, questo sommato, porta ad avere prestazioni inferiori in salita.
Anche per la questione partenze da fermo a pieno carico, vale la pratica.
Quindi, se mi è permesso, sarebbe opportuno a volte non affrettare i giudizi, soprattutto dopo solo pochi km.
La reclinata, se usata correttamente, ha prestazioni mediamente simili alle normali biciclette (a parità di peso, componentistica e allenamento). Posso concedere che sia leggermente più lenta in salita semplicememente perchè il ciclista è più bloccato sul sedile, spinge solo con le gambe (che però sono i muscoli con il maggior rendimento che abbiamo) e non può compensare facilmente eventuali oscillazioni o irregolarità del terrreno ma non è corretto dire che è un mezzo inutilizzabile. Questi luoghi comuni sono stati sfatati anche da prove numeriche con misuratori di potenza:

slyway.wordpress.com

Ripeto che come su qualsiasi bicicletta, è essenziale l’allenamento e la posizione di guida. In particolare in salita va usato un sedile più verticale, consentendo di pedalare con la giusta forza.
In ultimo, sottolineo che, prove alla mano, in pianura c’è un vantaggio di circa il 30% sull’attrito aerodinamico (cx 0.40 contro 0.30) rispetto a una bicicletta da crono, per una reclinata da corsa con componentistica di prim’ordine (non vale il confronto con quelle turistiche con i ruotini da 20).
Il trike reclinato (personamente ho anche quello) rimane a metà fra questi mezzi, con comodità e stabilità elevatissimi ma con un peso ovviamente superiore viste le tre ruote e il telaio più complicato che lo rallenta in salita e una aerodinamica leggermente inferiore alla reclinata. Ma come macinatore di km rimane imbattibile. L’evoluzione del trike è la velomobile, che grazie alla carenatura, consente di viaggiare in pianura a velocità inavvicinabili alle normali biciclette, anche quelle da record dell’ora. E inoltre protegge da freddo e pioggia, con ovvie ripercussioni sulla sicurezza e il comfort. La velomobile è ancora di più indirizzata verso il futuro, potendo sostituire completamente l’automobile, almeno sui tratti brevi, quelli medi del percorso casa-lavoro.

Certo, se ognuno di noi uscendo dal garage di casa, deve percorrere a tutta le tappe del giro d’Italia, la bicicletta da corsa rimane il mezzo migliore, il più prestazionale perchè più leggero e maneggevole. Ma da qui a dire che la reclinata ha prestazioni da monopattino ce ne corre...

Esiste un forum che segue questi mezzi da vicino, nei quali sono diffusamente questi temi:

bicireclinateitalia

Uno dei difetti dell’essere umano è quello di non saper cogliere il buono che c’è nelle novità, spacciando l’esistente per il meglio che ci possa essere a disposizione, in una sorta di auto-pulizia della coscienza.. Forse occorrerebbe ogni tanto guardare oltre, perchè oltre ci può essere un mondo sconosciuto, sicuramente diverso ma a volte anche migliore. Certo, dipende da cosa si intenda per migliore. Per me migliore è viaggiare veloci e comodi. E le varie tipologie di reclinate (un mondo vastissimo che non è una variante di un telaio praticamente immutato da 150 anni, come sono le biciclette) sono veloci e comode.

Rimango a disposizione, cordiali saluti.

Marco




recumbents
20/11/2013 10:58:10

Commento di STEFANO BONAZZOLIContatta
stefanobonazzoli@gmail.com

Caro Alessio,
dare giudizi sommari su un mezzo così particolare come una bicicletta recumbent dopo solo 300 km è piuttosto azzardato e dichiara una profonda ignoranza della materia.
Questo rischia di provocare la reazione di chi le biciclette reclinate le conosce molto bene, le utilizza da diversi anni, e le promuove con passione perché le ama.

1 - La partenza da fermo è una manovra precaria solo per chi è alla prima esperienza con questo tipo di biciclette. Dopo il giusto tempo di apprendimento è possibile imparare a condurre la recumbent con la stessa naturalezza con cui si guida qualsiasi altra bici. Con la guida di un esperto sono sufficienti pochi minuti per imparare.

2 - La recumbent è una bicicletta, quindi per andare forte in salita occorre ridurre i pesi e avere un allenamento specifico. Un cicloturista non allenato, alla prima esperienza con una recumbent pesante e carica di borse si trova nella condizione peggiore per esprimere un parere in merito. La pluriennale esperienza personale sulle strade delle Granfondo più popolari testimonia che le recumbent possono essere molto competitive non solo in pianura, dove godono di un vantaggio aerodinamico che permette di risparmiare anche più del 30% della potenza (a parità di velocità), ma anche in salita dove il vantaggio aerodinamico è tanto maggiore quanto più velocemente si affronta la salita. Inoltre la sola posizione distesa assunta in sella ad una recumbent permette alla frequenza cardiaca a riposo di rimanere più bassa del 18% rispetto alla frequenza in sella ad una bici tradizionale (provare per credere) e questo si traduce evidentemente in minore affaticamento alle basse velocità.

3 - Uno dei vantaggi più evidenti riconosciuti alle recumbent è l’ergonomica, che si traduce in un comfort straordinario. Il peso del corpo è comodamente sostenuto da un seggiolino. La colonna vertebrale si trova in posizione rilassata, le braccia, le spalle e le mani sono rilassate e questo permette di pedalare per ore senza gli indolenzimenti tipici di qualsiasi bicicletta tradizionale. La bicicletta classica incontrando buche o dossi trasmette il colpo e lo concentra attraverso il sellino nella zona genitale e sulla schiena. Sulla recumbent invece, la superficie ampia del sedile e il cuscino imbottito che lo ricopre distribuiscono qualsiasi sollecitazione senza alcun fastidio alla schiena.

Per quanto riguarda la polivalenza nel mondo dei veicoli a propulsione umana (Human Powered Vehicles) esistono oltre alle biciclette reclinate anche i trike recumbent (tre ruote) e i velomobili, che offrono a chiunque l’opportunità di pedalare per fare sport, cicloturismo, o per il commuting, indipendentemente dalle condizioni fisiche, anche in presenza di handicap che impediscono l’uso della bici tradizionale.
Limitatamente alle recumbent, esistono in commercio biciclette per qualsiasi esigenza:
Le recumbent per il commuting quotidiano sono caratterizzate da una seduta meno reclinata, e ruote di piccolo diametro; per questo sono le più adatte per circolare anche nel traffico dell’ora di punta.
Le recumbent per il cicloturismo sono adatte per la strada e per il fuoristrada, possono avere telaio rigido o ammortizzato, forcella rigida o ammortizzata, manubrio sopra o sotto il sedile, ruote di diametro 20, 24, 26, capaci di portare qualsiasi tipo di borse da viaggio.
Le recumbent per uso sportivo di ultima generazione utilizzano coppie ruote diametro 28 e sono ammesse in tutte le Granfondo e Randonneé, dove si fanno notare per le prestazioni superiori a qualsiasi bici da corsa.
Le recumbent per uso agonistico e quelle costruite appositamente per battere il record dell’ora e il record di velocità possono essere non carenate, oppure dotate di carenatura posteriore o integrale che le rendono il veicolo a propulsione umana più veloce mai costruito dall’uomo.

Stefano Bonazzoli
Presidente Associazione Propulsione Umana
www.propulsioneumana.it




informazione corretta su reclinate e HPV
20/11/2013 11:36:06

Commento di MARCO SPADAContatta
bruna.marco@tiscali.it

caro Alessio,
sono un ciclista reclinato amante dei viaggi e socio fondatore dell’associazione HPV italiana Propulsione Umana - HPV Italia.
qualche tempo fa ho letto e apprezzato varie parti del tuo blog, di cui condivido lo spirito.
ho però letto con dispiacere questo trafiletto con cui liquidi sbrigativamente un mondo che, ne sono consapevole, è sconosciuto ai più. ti inviterei a rivedere le tue conclusioni alla luce di qualche informazione più approfondita. spero che questa panoramica: piedialcielo possa darti qualche elemento per rimettere in discussione le tue impressioni, peraltro basate su un’esperienza piuttosto ristretta, anche a fronte di un secolo e mezzo di storia: it.wikipedia.org e di prestazioni senza paragoni (stessa pagina, di seguito).
infine, per quanto riguarda la versatilità, la varietà di forme illustrata in Caratteristiche (v. sopra) riguarda le sole biciclette reclinate, ossia solo una delle realizzazioni possibili all’interno del fenomeno internazionale assai più vasto che va sotto il nome Human Powered Vehicles, rappresentato in Italia dalla mia associazione (vedi www.propulsioneumana.it) ti invito allora a dare informazioni complete e corrette, non prima di esserti documentato a fondo su un mondo ricco e articolato, un mondo che credo sarebbe interessante per molti se riuscisse a trovare l’informazione corretta e la visibilità che merita. sono a tua disposizione, insieme all’associazione Propulsione Umana, per approfondire l’argomento.
pura vida, (significato: web.resmarche.it)
Marco Spada


RENATO FALZETTI

le recenzioni delle recumbent le deve fare chi ci ha fatto almeno 5000km
20/11/2013 14:43:12

Commento di RENATO FALZETTIContatta
renato.falzetti@fabersoft.it

Saluti Alessio io in bici ci vado da 35 anni prima con quella da corsa poi dal 2008 sono passato ad usare bici reclinate per diletto e per scelta , al inizio alternavo bici reclinata con bici da corsa poi dopo un anno e mezzo uso solo bici reclinata.

le mie affermazioni sono: la bici reclinata e un altro sport ha bisogno di un periodo di adattamento di almeno 5000km poi io dico che uno non scende più
si deve dare tempo ad abituare i muscoli dei glutei a lavorare in spinta tipo pressagambe in palestra poi problemi di salite non esistono più e poi con i km fatti ci si e preso pure mano col mezzo riuscendo a salire in salita carichatissimo di bagagli a velocita bassa.
io ci ho fatto un viaggio da Zara a Craovia con medie di percorrenza di 175km al giorno con un massimo di 230km senza problemi, giro della sardegna di 1400km,
giro di sicilia 1200km passo menghen da Borgo Valsugana scendendo in val di fiemme facendo il giro.
io con i miei 90kg di peso le prendo con le pinze anche con la bici da corsa,
ma in bici reclinata chi tira il il gruppo a 50kmh e più per parecchio sono io ( o addiritura li lascio indietro ho un altro passo più veloce)
le salite io le faccio tutte col 52 denti anteriore con ruote da 28 da corsa( fino a pendenze del 8/9% oltre cabio fino a superare salite del 20%) si va di potenza che con la bici normale non hai anche se ti alzi dai pedali , io ho la schiena appaggiata dove si va a scaricare la forza che faccio sui pedali, in bici normale hai solo la gravità e io il 52 in salita con la bici normale non lo riesco a tirare.

per turismo con bagagli il consiglio e di passare prima ad un trike si è subito oerativo senza tanta srada dopo le salite anche al 18% le fai anche con 50kg di bagaglio.
si pedala dalla mattina alla sera senza dolori , le auto ti passano lontano non capendo cosa sia

per la bici reclinata si deve fare pratica e chi la compra ci deve fare almeno 5000km poi vi dico che non si scende più .

io faccio parte di www.propulsioneumana.it dove cerchiamo di promuovere tutti questi mezzi alternativi alla bici tradizionale
foto del raduno nazionale: plus.google.com

foto delle mie bici: plus.google.com
chi vuole provare a farci un giro mi contatti io sono Marchigiano
saluti Renato Falzetti




Bici reclinata
22/11/2013 16:51:50

Commento di WUNKYAIContatta
wunakyai@yahoo.it

Alessio, mi spiace per te che non ti ci sei trovato.
Io la uso con enorme soddisfazione da oltre 5 anni.
Vivo fuori città e spessissimo lasco l’auto per andare in citta in reclinata, e non un città qualsiasi, ma un posto dal traffico caotico e disordinato (incivili?...) come Catania. La mia è una bici pesante, robusta (ma anch’io son pesnatuccio e con un po’ di panzetta..) e andar lento in salita ci sta.. Non tornerei neanche sotto tortura a pedalare una tradizionale (che è una tortura in sé..) ma, de gustibus. Voglio solo ricordarti che, vista la libertà progettuale che trovi nel mondo HPV, probabilmente non hai usato la reclinata adatta a te. Io nelle partenze, e nella guida lentissima (traffico cittadino) con la mia Azub 5 mi trovo ormai benissimo. Ah, peraltro l’uso del cambio Rohloff mi da una rapidità negli scatti, soprattutto ai semafori, che mi ha procurato anche i complimenti dei miei amici bikers più incalliti, quelli che fanno MTB serio (l’unico vero ambito dove una bent non può competere, ma nelle passeggiate sterrate, userei una ancor più comodo Trike, esperienza fatta in Val Pusteria..) Buone pedalate.




CommentaScrivi post
ALESSIO

Forcella ed altre componenti
20/03/2013 17:05:33

Post di ALESSIOContatta
info@bikeride.it

share

Forcella
Una forcella dritta in materiale composito è troppo rigida e fragile, peggiora l’aderenza, la guidabilità ed il comfort della vostra bicicletta. Quelle ammortizzate sono inevitabilmente piu’ pesanti e vanno bene solo se di buona qualità e dotate di sistema di bloccaggio dell’escursione con comando sullo sterzo.
In assenza diventano difficilmente adattabili ai sovraccarichi e pregiudicano la resa dinamica soprattutto in salita. Una buona forcella turistica in alluminio, o meglio, acciaio con il mozzo avanzato garantisce comfort e direzionalità.

Manubrio
Il manubrio deve offrire la presa più adatta in ogni circostanza: in salita, in discesa, in posizione aerodinamica ed in piedi sui pedali. Un manubrio dritto da mountain bike con appendici laterali che offre la possibilità di cambiare posizione durante la pedalata, garantisce la migliore guidabilità e lascia molto
spazio per ciclo-computer, borsa con finestrella porta-mappa e proiettore notturno.

Pedali
I pedali tradizionali non necessitano di scarpe specifiche (un paio di scarpe in meno significa meno bagaglio), sono economici e, se dotati di ferma-piedi, garantiscono una pedalata rotonda (cioè tirare il pedale verso l’alto oltre che spingerlo verso il basso). Quelli automatici offrono al piede un appoggio ottimale grazie alla suola rigida delle calzature con attacchi, assecondano le angolazioni delle gambe durante la pedalata limitando lo stress tendineo e permettono l’utilizzo di ghette termiche per la stagione invernale. A voi la scelta.

Ruote
Caratteristiche per me imprescindibili: ruota da 28 pollici, cerchi in alluminio anodizzato, non verniciati, mozzi a sgancio rapido, almeno 32 raggi. Evitate cerchi con profili aerodinamici che risulterebbero rigidi, poco confortevoli, pesanti, difficili da manutenere, non compatibili con le normali camere d’aria a valvola
corta. Per viaggiare spediti ed in sicurezza utilizzate pneumatici semi-slick di buona qualità almeno 700x32 e cambiateli alle prime avvisaglie di cedimento.

Sella
La sella migliore non è quella più bella, colorata e tecnologica, ma quella che asseconda la conformazione delle vostre branche ischio pubiche, quindi, sceglietene una con lo scafo giustamente dimensionato e senza super-imbottiture che impediscono la libertà di movimento, giusto l’antiprostata in gel. Non prendete selle
con elastomeri o cannotti reggisella ammortizzati che riducono sensibilità e controllo nella guida. Evitate uscite intensive nei primi giorni d’utilizzo, è sempre il caso di adattarsi progressivamente ad una sella nuova. Ricordate che passerete delle ore su quei pochi centimetri quadrati e che non è il caso di risparmiare,
ne va della vostra salute.

http://www.bikeride.it/bicicletta.php?id=8978


CommentaScrivi post
ALESSIO

La bicicletta da viaggio
12/03/2013 16:16:28

Post di ALESSIOContatta
info@bikeride.it

share

La bicicletta è uno strumento magico che moltiplica le capacità dinamiche di un uomo demoltiplicandone gli sforzi. Come ogni strumento è soggetta a interpretazioni legate all’impiego. La bici da viaggio ideale ha le caratteristiche di leggerezza, dinamica e scorrevolezza di una bici da corsa, la robustezza, la guidabilità, la tenuta di strada e la frenata di una mountain bike, le capacità di carico di un triciclo da panettiere. Proviamo ad avvicinarci all’impossibile per compromessi.

Telaio
Un buon telaio in acciaio cromo molibdeno è l’ideale per viaggiare in sicurezza e comfort ma recenti scelte di mercato rendono questi telai sempre meno diffusi. I telai in alluminio sono più rigidi, ovvero, più prestazionali ma meno confortevoli e, soprattutto, meno resistenti al carico localizzato del portapacchi.
Ci sono diverse leghe d’alluminio, le più diffuse sono la 7005, più pregiata, e la 6061, più economica.
In realtà non vi sono differenze enormi fra i due tipi di lega in quanto, come per l’acciaio, conta molto la bontà del progetto e dei processi di fabbricazione.
Un telaio in carbonio è più rigido e meno pesante di quelli convenzionali ma, anche in questo caso, tutto dipende dalla bontà del progetto. Più che per qualsiasi altro materiale la destinazione d’uso deve essere stabilita a priori in quanto spessori e carichi hanno tolleranze sul filo del chilogrammetro.
Un telaio da cicloturismo ha caratteristiche peculiari che tengono conto dei carichi del bagaglio e questo, soprattutto nel caso del carbonio, fa lievitare i costi. Il risparmio sul peso complessivo di una bici è un vantaggio ma nel caso di una bici da cicloturismo è meno apprezzabile: basta una maglietta di ricambio e mezzo litro d’acqua per annullarlo. Un viaggio in bici ha indubbiamente degli aspetti tecnici ma anche dei forti risvolti emotivi, la scelta della bici resta una questione personale e se per qualcuno avere il telaio in carbonio è motivo di godimento non vedo perchè debba privarsene, anzi, la soddisfazione personale deve essere la priorità, il vero scopo da perseguire, anche se non totalmente giustificato da esigenze tecniche.
D’altra parte si può decidere di partire con una bici inadatta, vecchia o poco performante per scelta, è come fare Capo Nord in Renault 4, vuoi mettere?
Insomma, noi siamo cicloturisti, viaggiamo con il nostro piccolo camper a pedali, e qualche etto in più non cambia il bilancio di un viaggio. Tipo e qualità di tubi e saldature, trattamenti antiossidanti e verniciatura sono i veri aspetti che fanno la differenza fra un telaio qualsiasi e un buon telaio da cicloturismo. Il telaio da trekking con geometria ed impianto frenante da mountain bike e ruote da 28 pollici è il comun denominatore delle bici che reputo più adatte.

Deragliatori
Il cambio deve essere di buona qualità, vi sconsiglio di risparmiare su questo componente ma allo stesso tempo di non buttare soldi su deragliatori ultraleggeri. Spesso i cambi di terza e quarta fascia, anche se meno leggeri, hanno le stesse caratteristiche di robustezza e precisione di quelli da competizione e qualche grammo in più non cambiera le sorti del nostro viaggio. Per esempio, la Shimano produce molti cambi da off-road e, partendo dal più sofisticato si chiamano: XTR, XT, LX, Deore, Alivio, Acera, Altus, Turney, ecc... a mio avviso Deore e Alivio hanno il miglior rapporto qualità prezzo per il cicloturismo. In considerazione del peso dei bagagli è meglio disporre di un rapporto particolarmente demoltiplicato che sviluppi meno di tre metri per pedalata. I deragliatori devono funzionare senza incertezze o rumori persistenti, le operazioni di lubrificazione e regolazione sono semplici e potrete apprezzarle nei momenti critici. Non incrociate la catena cercando a casaccio la moltiplica: avendo ben chiaro il ventaglio di rapporti di cui disponete eviterete attriti, rumori molesti, maggiore sforzo e usura precoce a causa della posizione obliqua della catena. A questo proposito il form sottostante calcola lo sviluppo metrico di tutti i rapporti allo scopo di aiutarvi ad ottimizzare l’utilizzo del cambio.

http://www.bikeride.it/bicicletta.php?id=8976


CommentaScrivi post


Metri sviluppati da una pedalata
Inserisci il numero di denti di ogni ingranaggio della guarnitura nella prima colonna in ordine decrescente partendo dalla cella bordata. Inserisci il numero di denti di ogni ingranaggio del pignone nell’ultima riga in ordine crescente partendo dalla cella bordata. Le celle inutilizzate vanno lasciate vuote, quelle bordate sono obbligatorie. Per ottimizzare l’utilizzo del cambio evita i rapporti contrassegnati dal "NO".
Numero di rapporti utili Seleziona il tipo di ruota

ALESSIO

Posizione in sella
23/01/2013 15:09:53

Post di ALESSIOContatta
info@bikeride.it

share

E’ fondamentale trovare la giusta posizione in sella per poter affrontare un lungo viaggio in bici. L’antropometria è una scienza esatta che offre tabelle di riferimento, angoli critici ed indici di misurazione che sono più adatti all’agonismo. Noi cicloturisti spingiamo biciclette da trentacinque chili per delle ore e sotto qualsiasi condizione climatica, dobbiamo affidarci a poche regole semplici ed alla nostra sensibilità per perseguire il giusto compromesso fra prestazioni e comodita’.

Sella
In teoria la seduta della sella deve essere distante dal movimento centrale l’86% della lunghezza del vostro cavallo. Ma per regolarla finemente vi suggerisco di posizionarla in modo tale che risedendovi, dopo aver pedalato in piedi sui pedali, la ritroviate senza cercarla, ne’ flettendo le gambe (alzate la sella), ne’ sollevandovi sulle punte dei piedi (abbassate la sella), ne’ sbilanciandovi all’indietro (avanzate la sella), ne’ urtandola durante la pedalata in piedi (arretrate la sella). Poi, partendo dalla sella parallela al pavimento cercate l’angolazione giusta con spostamenti minimi evitando pressioni e formicolii localizzati anche dopo molte ore di utilizzo. Nel caso cambiate sella senza scrupoli, ne va della vostra salute.

Manubrio
Deve essere regolato qualche centimetro più in basso rispetto alla sella per sbilanciare il peso del corpo sulle braccia, questo accorgimeto offre tre vantaggi: posizione aerodinamica, pedalata in piedi più immediata ed agevole, minori sollecitazioni al fondo schiena. Inoltre, il manubrio deve essere abbastanza distante da offrire la possibilità di attaccarsi e tirare quando si spinge sui pedali, a tal proposito vi consiglio di montare delle appendici per manubrio.

Padronanza e comodità
In sintesi dovreste riuscire a distribuire equamente il peso del corpo fra pedali, sella e manubrio in modo tale da poter abbandonare il manubrio o la sella in qualsiasi momento pur conservando capacità di spinta, posizione dinamica e controllo del mezzo. Ricordate che la posizione definitiva va tenuta a lungo ed in qualsiasi condizione, è quindi indispensabile tener conto della comodità.Si tratta di sensazioni, quindi, è necessario affinare la sensibilità con la pratica.

http://www.bikeride.it/bicicletta.php?id=8999


CommentaScrivi post
ALESSIO

Guida alla misura della bici
23/01/2013 10:09:53

Post di ALESSIOContatta
info@bikeride.it

share

Cos’hanno in comune una bici ed un paio di scarpe?
Semplice! Sbagliare la misura è un errore irrimediabile.

Ma acquistare con cognizione di causa si può. E’ sufficiente addossarsi ad un muro e misurare l’altezza del cavallo, così come rappresentato in foto. Quindi, inserire il valore ottenuto nella tabella in basso e lanciare il calcolo.

Il primo valore indica la distanza fra l’asse della pedaliera e la seduta seguendo il tubo di sella, così come rappresentato in foto dalla linea gialla. Si tratta della misura ideale, sia in termini di prestazioni che di comfort, suscettibile a piccole variazioni che non dovrebbero superare il centimetro.

Il secondo risultato rappresenta la giusta distanza fra la punta della sella e il tubo di sterzo, così come rappresentato in foto dalla linea rossa.

Comprare la bici con il centimetro in mano e verificare che la sella raggiunga le misure indicate e che il telaio offra lo spazio necessario è l’unico modo per evitare un acquisto errato.

Raccomandazioni

la misura del cavallo va presa a piedi scalzi;
è consigliabile l’uso di una squadra o di un libro per essere certi di proiettare correttamente la misura sul muro;
la sella deve essere montata sul reggisella in posizione centrale, ne arretrata, ne avanzata, e parallela al suolo;
la distanza fra sella e manubrio (linea rossa) va presa solo dopo aver regolato la sella all’altezza indicata.

http://www.bikeride.it/bicicletta.php?id=10849


CommentaScrivi post



Misure bici

Misura del cavallo in cm.



Altezza sella (linea gialla) cm.

Distanza manubrio (linea rossa) cm.

ALESSIO

Scelta della bici
02/01/2013 17:42:01

Post di ALESSIOContatta
info@bikeride.it

share

La bici è uno strumento specialistico
Ogni bicicletta è progettata con uno scopo ben preciso. Usare una mountain bike su strada asfaltata è come prendere un cannone per ammazzare una zanzara. Scegli fra i tipi di bici più diffusi basandoti sul vero utilizzo che intendi farne.

http://www.bikeride.it/bicicletta.php?id=9005


CommentaScrivi post


Bici da strada
Destinazione: bici da strada asfaltata a fondo regolare
Sport: ciclismo su strada
Trasporto: pochissimo o nessun bagaglio
Uso quotidiano: scarsa attitudine utilitaria
Pro: leggerezza (se di gamma medio-alta)
Contro: fragilità nell’uso quotidiano


Bici da trekking
Destinazione: bici da strada asfaltata o sterrata
Sport: non adatta ad alcuna discipina sportiva
Trasporto: adatta al bagaglio pesante
Uso quotidiano: ottima attitudine utilitaria
Pro: polivalenza
Contro: va peggio di una bici da strada su asfalto e peggio di una mountain in fuori strada


Mountain bike front suspended
Destinazione: bici da fuori strada campestre
Sport: cross country
Trasporto: adatta al trasporto di bagaglio
Uso quotidiano: sufficiente attitudine utilitaria
Pro: robustezza (se di gamma medio-alta)
Contro: scarsa resa dinamica anche con coperture scorrevoli


Mountain bike full suspended
Destinazione: bici da discesa
Sport: down hill
Trasporto: pochissimo o nessun bagaglio
Uso quotidiano: scarsa attitudine utilitaria
Pro: aderenza (se di gamma medio-alta)
Contro: peso eccessivo e mollezza snervante, ha un senso solo se si intende praticare il down hill

ALESSIO

Guida all’acquisto
01/01/2013 18:01:03

Post di ALESSIOContatta
info@bikeride.it

share

Acquistare con consapevolezza
Comprare una bicicletta può essere complicato, soprattutto se non si hanno le idee chiare. Questa miniguida ha lo scopo di fare ordine e dare maggiore consapevolezza all’acquirente. Pochi suggerimenti possono fare la differenza fra un acquisto sbagliato e un’esperienza piena di soddisfazioni.

http://www.bikeride.it/bicicletta.php?id=9006


CommentaScrivi post


Freni
Esame tirare i freni da fermo

Sintomo elasticità e gommosità che pregiudica la modulabilità della frenata e la sicurezza

Causa 1 l’impianto frenante potrebbe avere delle parti in plastica o poco rigide, solitamente manettini, portamanettini o leve
Soluzione 1 sostituzione della parte elastica o dell’intero impianto frenante

Causa 2 il telaio o la forcella potrebbero essere poco rigidi e cedere alla pressione frenante, il fenomeno è visibile ad occhio nudo
Soluzione 2 sostituire il telaio o la forcella


Forcella
Esame 1 comprimere fino a fondo corsa addossandosi con il torace sul manubrio
Esame 2 sollevare la ruota anteriore di 20cm. e lasciarla cadere

Sintomo rumorosità, vibrazioni, reazioni disomogenee, eccessiva mollezza (il fondo corsa deve essere raggiungibile con molta difficoltà)

Causa la forcella è di scarsa qualità

Soluzione sostituire la forcella

Considerazioni la forcella ammortizzata non serve al comfort ma a tenere la ruota attaccata al terreno, se non funziona bene è un inutile peso morto, meglio non averla


Trasmissione
Esame ruotare i pedali in senso contrario alla marcia osservando il pignone

Sintomo rotazione disomogenea o, peggio, fuori asse della ruotalibera

Causa il mozzo e la ruotalibera sono di scarsa qualità o danneggiati

Soluzione sostituzione del cerchio posteriore completo di ruotalibera

Considerazioni è molto probabile che si tratti di una ruotalibera a vite, è preferibile acquistare bici dotate di ruotalibera a cassetta che risultano più precise e durature, spesso le imprecisioni del cambio sono attribuibili a questo particolare


Accessori
Per molti il portapacchi è un accessorio fondamentale, ma non tutte le bici sono predisposte al montaggio, accertare la presenza delle predisposizioni

Per chi intende fare uso della dinamo il tipo integrato nel mozzo è la soluzione migliore, in caso contrario è solo un peso

Il cavalletto è uno degli accessori dei quali si crede di poter fare a meno, non è così, ne consiglio uno da applicare ai foderi posteriori

L’impianto di illuminazione è obbligatorio per legge, in assenza chiedere al rivenditore la messa in regola

Lo sgancio rapido ai mozzi ruota è un accessorio irrinunciabile

BikeRide.itCicloturismo e viaggio in bici
Alessio Di Tommasoemail: info@bikeride.it
Copyright © 2002 - 2016